Mostra | La dura memoria della Shoah, dal 28 al 30 Gennaio

Palermo – Per ricordare lo sterminio del popolo ebraico, la vergogna delle leggi razziali, la complicità e i crimini del regime fascista, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani e i siciliani che subirono la deportazione, la prigionia, la morte nonché coloro che rischiando la propria vita salvarono altre vite e protessero i perseguitati, il Centro Documentazione e Studi “Gaetano Pensabene” ha allestito una mostra multimediale intitolata “La dura memoria della Shoah”. L’evento, patrocinato dal Comune di Palermo, sarà inaugurato lunedì 27 gennaio, alle 16:30, nella Sala Conferenze del Centro, sita in Via Imperatore Federico 60, poco di fronte l’omonima Stazione Ferroviaria.

La video mostra, proposta dagli studiosi Carmelo Botta e Francesca Lo Nigro su iniziativa del Ce.Do.S. “Gaetano Pensabene”, racconta con le immagini il contesto storico, sociale e politico nel quale maturò in Italia, in Germania e nell’Europa occupata dai nazifascisti l’annientamento degli ebrei, dei rom, degli omosessuali, degli antifascisti, ed è articolata nell’esposizione “Sterminio in Europa”, realizzata dall’Associazione Nazionale Ex Deportati (ANED).

Il Titolo dell’evento si ispira all’omonimo libro: “La dura memoria della Shoah”, pubblicato nel 2017 da Navarra Editore e curato dai professori Carmelo Botta e Francesca Lo Nigro con i contributi di Michelangelo Ingrassia, docente di Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Palermo, e di Rosa Cuccia, che ha rappresentato le scuole della Regione Sicilia al Corso di Formazione sulla Storia e Didattica della Shoah presso L’International School for Holocaustus Studies Yad Vashem di Gerusalemme.

La video mostra, della durata di 15 minuti, sarà aperta gratuitamente al pubblico dal 28 al 30 gennaio 2020, dalle ore 9:30 alle ore 12:30.

Il Ce.Do.S., fondato dalla UILA-UIL di Palermo, è intestato al prestigioso leader della UILA-UIL Gaetano Pensabene, che lo ideò e istituì poco prima della sua prematura scomparsa.

La sede del Centro Documentazione e Studi “Gaetano Pensabene”, oltre all’archivio e alla biblioteca dell’indimenticato sindacalista palermitano, ospita pure l’archivio e la biblioteca dell’intellettuale siciliano Giuseppe Casarrubea, noto studioso della strage di Portella della Ginestra e storico del sindacalismo, del socialismo e della lotta alla mafia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *