Tram: mobilità a Palermo più sostenibile

Da un comunicato stampa del Comune di Palermo, si amplia la rete tram.


E’ stato presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sala Consiliare di Palazzo delle Aquile, lo “Studio di fattibilità per l’ampliamento del sistema tranviario della Città di Palermo”.

All’affollato incontro con i giornalisti erano presenti per l’Amministrazione, il Sindaco, Leoluca Orlando il vice Sindaco ed Assessore ai Lavori Pubblici, Emilio Arcuri, l’Assessore alla Mobilità Giusto Catania e l’Assessore alla Pianificazione Urbana  e Territoriale Giuseppe Gini.

Sindaco e Giunta hanno voluto esprimere, preliminarmente, plauso e soddisfazione “per il lavoro compiuto in house”  grazie ai tecnici comunali dell’Area amministrativa della riqualificazione urbana e delle infrastrutture, rappresentati dal Capo Area, l’Architetto Mario Li Castri, e dall’ Ing. Marco Ciralli, Responsabile Unico del progetto di studio.

Nello specifico, si tratta di sette nuove linee, di  tram in città, di cui tre le tratte “prioritarie” individuate, realizzabili entro il 2021 grazie ai fondi del Patto per Palermo e le restanti da finanziarie con la prossima programmazione comunitaria, per un totale di 95 milioni di passeggeri l’anno:

–      la TRATTA “A” (Linea 6 /1)- è la PRIORITA’ 1, che prevede il

prolungamento della linea 1 esistente per km 11,550 (A/R), dalla Via Balsamo (pressi Stazione Centrale) alla Viale Croce Rossa, passando da via Roma, via E.Amari e via Libertà;

–      la TRATTA “B” Linea 5/1 (PRIORITA’ 2): il prolungamento della linea 1 esistente per Km 1,330 (A/R), dalla Stazione Ferroviaria Notarbartolo alla Via Duca della Verdura. Tratta Linea Stazione FF.SS.

Notarbartolo, Via Notarbartolo sino a Via Duca della Verdura (angolo Via della Libertà);

–      TRATTA “C” Linea 4/1 (PRIORITA’ 3): prolungamento della linea 3

esistente per km 8,180 (A/R), secondo l’attuale schema (singolo binario per ogni carreggiata), lungo Viale della Regione Siciliana sino alla Stazione FF.SS. Orleans. Tratta Linea Svincolo Calatafimi, Viale della Regione Siciliana, Via Ernesto Basile, Stazione FF.SS. Orleans.

A seguire, le altre tratte da “D” a “G”, per le quali si rimanda al link https://www.comune.palermo.it/grandi_opere_tram.php

 

“Crediamo nella “cura del ferro” – l’incipit del sindaco Orlando – come dimostra il Patto firmato con il Presidente del Consiglio proprio al deposito del tram. Abbiamo completato i progetti per gli studi di fattibilità , grazie alle nostre professionalità interne, adesso apriremo un dibattito pubblico, come già previsto dalla nuova normativa sugli appalti, ma finora mai realizzato in Italia”.

“Il Comune si occupa degli interventi ferrati in superficie, mentre le Ferrovie si occupano di quelli sotterranei – ha aggiunto Orlando – ma le 17 stazioni del passante ferroviario si intrecceranno con il tram”.

“Ribadiamo l’impegno qualificante dell’oltre Oreto, con Bonagia e un nuovo ponte e raggiungiamo Sferracavallo, collegando il tram con la fermata del passante nella borgata, che è la prima nel territorio cittadino, venendo dall’aeroporto” –  ha detto ancora il Primo Cittadino, che ha  voluto confermare “massima fiducia nell’operato dell’Amat , a cui continueremo ad affidare il tram” e, al contempo, dire “ancora una volta NO, con forza, ai privati”.

Il vice Sindaco Emilio Arcuri ha sottolineato che “la la giunta approverà gli studi di fattibilità una volta raccolti i suggerimenti dei cittadini. L’Unione Europea ci ha assicurato risorse aggiuntive per il tram e il governo nazionale con il Patto per il Sud ci ha messo a disposizione altri finanziamenti per 192 milioni di euro, interamente finanziati per le prime tre linee; a quel punto abbiamo dato avvio al progetto. Saranno in totale 65 i chilometri di nuove linee”.

 

“La tempistica è strettissima – ha detto ancora Arcuri: affidamento della progettazione esecutiva nel gennaio del 2017, dal dibattito pubblico fino alla validazione 30 giugno 2017, cantieri aperti  a fine 2017, conclusione dei lavori, collaudo compreso, nel luglio 2021”.

Elenca cifre importanti anche l’assessore Giusto Catania: “Il sistema consentirà di trasportare 95 milioni di passeggeri l’anno; calcolando che 350 mila auto attraversano ogni giorno la città, il che significa

127 milioni di attraversamenti auto in città. Appare chiaro, dunque, il fortissimo impatto sulla diminuzione del traffico veicolare privato che avrà il tram a Palermo,oltre a costituire un segnale forte da un punto di vista culturale sulla necessità di spostare quanti più passeggeri dal traffico  privato al trasporto pubblico collettivo di massa”.

Catania rivendica altresì “come lo spirito di partecipazione sia ormai ampiamente condiviso da questa Amministrazione. Oggi siamo in grado di costruire tutti i processi politici ed amministrativi attraverso pratiche di partecipazione e la presentazione di questo studio ne è la pratica dimostrazione”.

“Lo studio di fattibilità – ha sottolineato l’Ing. Ciralli –è stato realizzato in forma di proposta totalmente da progettisti interni all’Amministrazione Comunale, coordinati dall’Ing. Giuseppe Letizia, cui si sono aggiunti due rappresentanti dell’Amat”.

Una “simile e riuscita programmazione – si legge nello studio – trova riscontro in molte città italiane.Le ragioni che hanno orientato l’Amministrazione comunale verso la programmazione delle suddette tratte di completamento della rete tranviaria sono da ricercare nella necessità di implementare le linee di forza del trasporto pubblico con sistemi ad alta offerta di trasporto ed ecosostenibili, nonché nel notevole consenso ricevuto dalla popolazione che ha subito riconosciuto in tale mezzo di trasporto quello più sicuro, più celere e meno inquinante”.

L’obiettivo dell’Amministrazione  – si legge ancora nel progetto – riguarda adesso riuscire a soddisfare “quella aliquota di popolazione cittadina che gravita in aree maggiormente lontane dal sistema ferroviario metropolitano urbano e dalle linee tranviarie già realizzate e quindi non in grado di usufruire con comodità di tali mezzi di trasporto rapido di massa”.

 

Previsto il collegamento fra i due depositi di Castellana e Roccella, l’assenza di palificazione  e, in alcuni tratti, l’eliminazione di barriere, al cui posto viene individuato un percorso integrato con i pedoni.

 

Relativo all’ampliamento del Sistema tranviario della Città di Palermo, esso è propedeutico all’inserimento dell’opera nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche. Il Sistema Tram della città di Palermo viene individuato e definito strategico.

 

“Sul sito del Comune  – ha spiegato il webmaster del portale del Comune di Palermo Giuseppe Meli – ci sarà la possibilità di esportare in formato pdf le tavole di progetto e di partecipare a una consultazione pubblica con cui raccoglieremo suggerimenti per i prossimi 60 giorni”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *